1117 Cod. In un condominio, le spese relative alle parti comuni vengono ripartite tra tutti i condomini in proporzione ai millesimi di proprietà di ciascuno [1]; tuttavia, l’elenco di tali parti comuni contenuto nel Codice civile [2] non comprende i balconi, mentre dal 2013 comprende le “facciate” [3]. Balcone in condominio: cosa si può mettere e per cosa serve l’autorizzazione Chi decide se reti protettive, armadietti da esterno, vasi e animali possono stare in condominio oppure no? 1117 c.c., non essendo necessari per l’esistenza del fabbricato, nè essendo destinati all’uso o al servizio di esso. dalla L. n. 220/2012, in vigore dal 18.06.2013. 1.500. e degli artt. Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato. [1] Art. n. 6624/2012 del 30.04.2012; Cass. n.  21641/2017 del 19.09.2017. civ. 1117 c.c. Metratura: appartamento 140mq; cantina 10mq Splendida soluzione in contesto residenziale, piano terzo con ascensore: ingresso, ampio salone, cucina abitabile con balcone, due camere da letto, cabina armadio, due bagni e balconi. [5] Art. Secondo la Cassazione (sentenza sentenza n. 1990/2016), i balconi in condominio, anche aggettanti, si possono considerare beni comuni quando si inseriscono nel prospetto dell’edificio condominiale e lo rendono esteticamente migliore. Anche i fiori, osannato simbolo di pace e di amore, possono comportare problemi legali e dividere le famiglie. Sono parti comuni (e quindi gravano su tutti i condomini) i costi relativi agli elementi esterni dei balconi, quali ringhiere, parapetti, frontalini, fioriere, se contribuiscono all’abbellimento ed al decoro architettonico dell’edificio [6]. att. Manutenzione balconi esterni del condominio: come si ripartiscono le spese? 377.00 in a … Cod. Il regolamento condominiale contiene precisazioni anche in merito al fissaggio e all’installazione delle tende da sole, che deve avvenire nella massima sicurezza. La risposta viene dalla Corte di Cassazione – la recentissima sentenza 30071 del 14 dicembre 2017 – che […] 1° piano con ascensore, mq 105 circa composto da ingresso, soggiorno, cucinotta, 3 camere, bagno, 2 balconi, cantina. classe energetica: f categoria catastale: a/3 rendita catastale: €. (continua a leggere), In molti condomini sussiste il problema connesso ai piccioni che possono imbrattare il fabbricato condominiale, oltre che rendere l’ambiente poco salutare. È stato, infatti, modificato l’art. Rumori in condominio: come comportarsi? Tale costo, in particolare, è a... Se si verifica uno scolo d’acqua proveniente dal piano di sopra, si deve chiamare in causa solo il vicino o l’intero condominio? L’evoluzione giurisprudenziale e dottrinale successiva ha, innanzitutto, differenziato il tipo di balcone: i balconi “incassati” all’interno dei muri perimetrali hanno la funzione di sostegno e copertura, quindi sono di proprietà comune dei titolari dei rispettivi piani sovrapposti, i quali si dividono anche le relative spese [5]. | © Riproduzione riservata sent. LA “TELEASSEMBLEA” CONDOMINIALE ORA E’ POSSIBILE Con la Legge n. 159/2020, per far fronte all’emergenza epidemiologica Covid-19, si è introdotta la possibilità di svolgere l’assemblea di condominio in videoconferenza. 9 del regolamento non conteneva una regola che faceva eccezione all’art. “Le spese per la manutenzione e ricostruzione dei soffitti, delle volte e dei solai sono sostenute in parti eguali dai proprietari dei due piani  l’uno all’altro sovrastanti, restando a carico del proprietario del piano superiore la copertura del pavimento e a carico del proprietario del piano inferiore l’intonaco, la tinta e la decorazione del soffitto”. Ma questo non è l’unico divieto previsto per gli spazi comuni; ad esempio in molti regolamenti è vietato l’uso di barbecue oppure non è consentito parcheggiare biciclette o motocicli senza il consenso dell’assemblea. In passato, si riteneva che i balconi, trattandosi di elementi non necessari all’esistenza dell’edificio, in quanto elementi non portanti della struttura del fabbricato, fossero da considerare di proprietà esclusiva del titolare dell’immobile. Ad ostacolare il tentativo del condomino di sistemare la parabola può essere il regolamento condominiale, il quale potrebbe contenere la norma che vieta in maniera assoluta l ’installazione sul tetto o sul balcone di casa. Sent. Questa dimenticanza del legislatore  ha complicato l’interpretazione della norma indicata in precedenza, dato che la tematica dei balconi condominiali è sempre stata fonte di accese dispute, proprio con riguardo alla disciplina applicabile in merito alle relative spese da sostenere. n. 283/1987 del 16.01.1987; Cass. In concreto, si può affermare che spettano al singolo proprietario del balcone le spese relative alla parte interna del balcone ed al piano di calpestio come l’impermeabilizzazione e la pavimentazione. La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 5014 del 2 marzo 2018, ha affrontato un altro interessante caso in materia condominiale, fornendo alcune interessanti precisazioni circa la ripartizione delle spese relative alla manutenzione dei balconi esterni. CORSO GENOVA AMPIO TRILOCALE. | Codice Univoco: M5UXCR1 | IBAN: IT 07 G 02008 16202 000102945845 - Swift UNCRITM1590, Supporto legale 100% online per avviare e gestire la tua attivitÃ, Questo sito contribuisce alla audience di, Richiedi una consulenza ai nostri professionisti. . Il Residence in cui è collocata la villa è dotato di una area privata con un ampia piscina condominiale. Se invece è un ballatoio comune o di servizio va mantenuto da tutto il condominio. Scribd is the world's largest social reading and publishing site. RISCALDAMENTO CONDOMINIALE . Per le balconate e i balconi a castello si utilizzano gli stessi criteri individuati per i balconi aggettanti o incassati in base alla tipologia: una balconata aggettante è di proprietà di tutti gli inquilini che serve se la si può raggiungere solo dalle unità abitative. Distanza dal mare circa ml. Sono parti comuni (e quindi gravano su tutti i condomini) i costi relativi agli elementi esterni dei balconi, quali ringhiere, parapetti, frontalini, ... al regolamento condominiale. I balconi aggettanti, invece, sono quelli che sporgono verso l’esterno dell’edificio, e non hanno alcuna funzione di copertura o sostegno, ma costituiscono soltanto il prolungamento della corrispondente unità immobiliare. Tra le cose che, non di rado, generano discussioni in materia condominiale bisogna inserire i balconi, le finestre e le verande. (continua a leggere), Le spese relative ai consumi idrici devono essere ripartite in base ai consumi effettivi di ciascun condomino rilevati dall'apposito contatore. Sulla natura dei balconi e sulla imputabilità delle relative spese. Balconi in condominio, chi paga le spese per il rifacimento La Cassazione ha affermato che il balcone aggettante è di esclusiva proprietà del condomino che se ne serve. [6] Cass. PROVVISTO DI VALVOLE TERMOSTATICHE . Si può installare una fioriera sul balcone di casa, tuttavia bisogna rispettare ciò che dice il regolamento di condominio e quello comunale. Diritto fallimentare e procedure concorsuali, powered by https://www.embeddedanalytics.com/, Disposizioni per l'attuazione del codice civile e disposizioni transitorie, Disposizioni di attuazione del codice di procedura civile, Disposizioni di coordinamento e transitorie per il codice penale, Disposizioni di attuazione del codice di procedura penale, Codice dei beni culturali e del paesaggio, Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza, Riforma del sistema italiano di diritto internazionale privato, Semplificazione dei procedimenti in materia di ricorsi amministrativi, Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni, Misure per la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale e misure volte a favorire il lavoro agile, Disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali, Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, Norme in materia di procreazione medicalmente assistita, Legge sulla protezione del diritto d'autore, Responsabilità professionale del personale sanitario, Disciplina delle associazioni di promozione sociale, Disposizioni per lo sviluppo della proprietà coltivatrice, Mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali, Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, Testo unico sull'assicurazione degli infortuni sul lavoro, Testo unico sulle espropriazioni per pubblica utilità, Testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, Testo unico in materia di società a partecipazione pubblica, Disposizioni comuni in materia di accertamento delle imposte sui redditi, Disposizioni sulla riscossione delle imposte sul reddito, Disposizioni in materia di accertamento con adesione e di conciliazione giudiziale, Disposizioni sulle sanzioni amministrative per violazioni di norme tributarie, Ordinamento degli organi speciali di giurisdizione tributaria ed organizzazione degli uffici di collaborazione, Riordino della finanza degli enti territoriali, Regolamento posta elettronica certificata. 1130 è derogabile dalle parti condominiali. Secondo un indirizzo giurisprudenziale oggi prevalente, il balcone aggettante viene ritenuto accessorio dell'appartamento, con esclusione di ogni natura condominiale se non nel caso in cui il balcone o suoi singoli componenti costituiscano motivo ornamentale di particolare rilievo sul prospetto architettonico dell'edificio. Grazie alle dimensioni contenute e alla possibilità di “mimetizzazione” mediante adesivi, la Parabola Piatta è perfetta per questo caso. entro 5 giorni Questi i contenuti che parlano di regolamento condominiale balconi: articoli redazionali, documenti, commenti e discussioni sul forum casa che trattano di regolamento condominiale balconi. Avviene spesso in condominio, a causa delle fioriere sul balcone. Ad oggi, si è giunti a distinguere i vari elementi che compongono il balcone e a ritenerli parti comuni o meno a seconda della funzione che svolgono. Ogni spesa relativa alla manutenzione di ringhiere e sottobalconi rimane a carico del singolo proprietario, a meno che non abbiano una funzione decorativa della facciata condominiale: in tal caso, la spesa viene ripartita tra tutti i condomini. [9] Cass. Nel preventivo a computo metrico per rifare la facciata un prezzo molto alto è dato dal costo ponteggi per rifacimento facciata che oscilla dai 7€ ai 15€ al mq di noleggio al mese. Scopri di più. Pertanto, si distingue a seconda che l’intervento manutentivo interessi la struttura portante del balcone – ed in tal caso la spesa sarà a carico esclusivo del proprietario – oppure il suo rivestimento, che va considerato quale bene comune di tutti i condomini se contribuisce al decoro architettonico dell’edificio e come tale ricadente nella disciplina dell’art. a soli 29,90 €, Secondo la Cassazione gli elementi decorativi di fioriere, balconi e parapetti di un condominio, svolgendo una funzione di tipo estetico rispetto all'intero edificio, costituiscono "parti comuni", ai sensi dell'articolo 1117, n.... I balconi aggettanti I balconi aggettanti costituiscono un … e ricevi la tua risposta 1117 Cod. In conclusione, da quanto sopra risulta evidente che la soluzione delle problematiche correlate non è sempre agevole, quindi occorre sempre verificare caso per caso la singola situazione. Hai un dubbio o un problema su questo argomento? 1125 Cod. Tema annoso, sul quale sono stati scritti fiumi di inchiostro: i balconi del condominio sono parti comuni? 3 e 9 del regolamento condominiale, con riferimento alla valutazione compiuta dalla Corte di appello secondo la quale l’art. San Felice Circeo - Residential area - We offer for sale a portion of a semi-detached villa of mq. I ganci vanno fissati al sottobalcone del piano di sopra, pertanto bisogna fare attenzione alla distinzione tra balconi incassati o aggettanti. Per quanto è qui di interesse la ricorrente con il secondo motivo ha denunciato la violazione o falsa applicazione dell’art. Il primo riferimento per la scelta delle tende da sole rimane quindi il regolamento condominiale, approvato da tutti gli inquilini e gestito dagli amministratori incaricati. Tende da esterni senza intermediari a prezzi di fabbrica! Firenze n. 3017/2016 del 15.09.2016. n. 4821/1983 del 14.07.1983. Stampa 1/2016. n. 1784/2007 del 29.01.2007. Ripartizione delle spese: tinteggiatura esterna del condominio. La Legge per Tutti Srl - Sede Legale Via Francesco de Francesco, 1 - 87100 COSENZA | CF/P.IVA 03285950782 | Numero Rea CS-224487 | Capitale Sociale € 70.000 i.v. Per quanto riguarda il sottobalcone, cioè la parte inferiore del balcone, la giurisprudenza è oscillante; la tesi più remota aveva ritenuto che le spese per la sua manutenzione fossero a carico esclusivo del proprietario dell’appartamento inferiore, potendo corrispondere al soffitto [7]. CON CUCINA ABITABILE E BALCONI. Ad esempio, nel regolamento del condominio solitamente si trovano delle norme che vietano la palla nel cortile, evitando così che si crei un danno alle proprietà comuni o alle automobili parcheggiate. I balconi di un edificio condominiale non rientrano tra le parti comuni, ai sensi dell’art. 1117 c.c. regolamento condominiale contrattuale, il documento accettato da tutti i condòmini proprietari al momento dell’acquisto dell’immobile, può cambiare le carte in tavola e prevedere criteri di ripartizione differenti. 165,84 with a garden of mq. Un’ultima annotazione: se l’intervento manutentivo riguarda parti individuali del balcone (ad esempio il piano di calpestio), ma i lavori si rendono urgenti perchè sussiste un pericolo per l’incolumità delle persone, allora l’amministratore del condominio può compiere atti conservativi [10] con ratifica successiva da parte dell’assemblea. [8] Trib. Una regola molto importante rigu… Oppure iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato. La soluzione è la Parabola Piatta! Ristrutturato … civ. 29-lug-2019 - Gani Tende offre dal 1975 la più vasta scelta di tende da sole e da esterni personalizzate, adatte per soddisfare l'esigenza di ogni cliente. Angelo Greco e iscritta presso il Tribunale di Cosenza, N.G.R 243/2016 - N.R. Balconi: ecco cosa si può fare sul balcone di casa, i principi generali d'uso dei balconi aggettanti e di quelli incassati e gli esempi degli usi più ricorrenti dei balconi. (continua a leggere), La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 5014 del 2 marzo 2018, ha affrontato un altro interessante caso in materia, Desidero iscrivermi alla newsletter di informazione giuridica di Brocardi.it. sent. Ci possono essere limitazioni stabilite dal regolamento condominiale di natura contrattuale, in quanto l'art. civ., comma 1: “Il diritto di ciascun condomino sulle parti comuni, salvo che il titolo non disponga altrimenti, è proporzionale al valore dell’unità immobiliare che gli appartiene”. Quindi, i relativi costi di manutenzione e rifacimento – anche delle ringhiere – dovevano rimanere a totale carico del proprietario, dovendo soltanto servire a proteggere l’area di calpestio a vantaggio esclusivo del proprietario del balcone [4]. Il nuovo regolamento condominiale, approvato da poco tempo, cita delle innovazioni rilevanti che riguardano, in ambito condominiale, le installazioni di sistemi di videosorveglianza, all'interno delle strutture abitative per poter tutelare la sicurezza delle persone e… Continua a leggere Videosorveglianza condominio: normativa. [7] Cass. Dopo aver affermato ciò, si giunge alla conclusione che nel caso della ristrutturazione condominiale, tutti coloro che abitano l’edificio ne rispondono economicamente.Ciò vuol dire che tutte le spese per la tinteggiatura esterna del condominio e quella dei balconi devono essere ripartite per il numero dei soggetti condomini. Civ. Crepe sui muri esterni, ... danni da ripristinare, stato dei frontalini dei balconi, la tinteggiatura scelta per rifare la facciata, il rifacimento con cappotto termico, ed altro. I balconi di un condominio non sono parti comuni. Ci sono regole per diversi aspetti della vita condominiale. La Cassazione ha chiarito che la spesa relativa ai frontalini dei balconi non può essere ripartita tra tutti i condomini, se non viene provata la loro funzione ornamentale rispetto all’edificio [9]. Ma se siamo proprietari un appartamento facente parte di un edificio condominiale, come vanno ripartite le relative spese? 66 disp. [4] Tra le tante:  Cass. 3,20. doppia esposizi... one su via governolo ed interno corte entrambe con balcone. Ebbene, proprio in relazione alle spese relative ai balconi aggettanti, attualmente si tende a dare molta importanza all’eventuale funzione decorativa ed estetica che il balcone assolve per la facciata condominiale. La Cassazione ha chiarito che la spesa relativa ai frontalini dei balconi non può essere ripartita tra tutti i condomini, se non viene provata la loro funzione ornamentale rispetto all’edificio [9]. L’orientamento, ad oggi, prevalente ritiene, invece, che il sottobalcone sia una parte condominiale in quanto visibile dall’esterno, con funzione estetica e decorativa per l’intero edificio, dunque le relative spese di manutenzione dovrebbero gravare su tutti i condomini. (continua a leggere), Periodicamente, si sa, anche i balconi di casa necessitano di essere ristrutturati. 1118 Cod. Email (obbligatoria se vuoi ricevere le notifiche), Notificami quando viene aggiunto un nuovo commento. n. 14576/2004 del 30.07.2004. condominiale; è vietata, in ogni caso, l’applicazione di insegne di qualsiasi genere o contenuto sui balconi e aree visibili all’esterno di ciascuna unità immobiliare; è vietato mantenere ed allevare animali che possano costituire pericolo a causa della loro aggressività, o per … In ogni caso, comunque, l’amm.re potrà intervenire a sue spese, nel caso del cancello rotto, per evitare che estranei penetrino nel condominio e facciano danni, oppure dare diserbanti nel caso del giardino investito dai parassiti. infissi esterni con doppi vetri, altezza soffitti mt. 23-lug-2019 - Tende da sole a San Vincenzo (Li) prodotte in fabbrica in Toscana su misura per ogni cliente. sent. sent. In ogni caso, sarebbe opportuno verificare anche nel regolamento di condominio se tale parte del balcone sia stata considerata di proprietà esclusiva del titolare del balcone o di proprietà condominiale: qualora, infatti, il regolamento non regoli tale aspetto, si dovrebbe escludere la presunzione di condominialità del sottobalcone, con conseguenti oneri di manutenzione a totale carico del proprietario del balcone medesimo [8]. E’ bene sapere che l’individuazione di tali elementi e la loro funzione decorativo-architettonica non possono essere definiti in astratto, ma devono essere sempre effettuati in concreto, anche in base alle caratteristiche dello stabile, dei luoghi e, come sopra accennato, al regolamento condominiale. Tra le tante regole, che spaziano dal rumore degli elettrodomestici alla presenza degli animali, dovrebbero trovare spazio precise indicazioni sulla scelta di colori e modelli di tende da sole , ma non sempre questo avviene. [3] Termine inserito nell’art. sent. In questo caso si può rendere necessario installare degli appositi strumenti... "La Legge per Tutti" è una testata giornalistica fondata dall'avv. Alcuni regolamenti condominiali vietano l’installazione delle classiche parabole a balcone, per preservare l’estetica dell’edificio.