Funzionano come le Slot machine…. Oggi ho chiuso il mio account, questa volta per sempre. 3. Due anni fa, Ero sul Flixbus, rilassata all’idea di avere davanti circa 4 ore di viaggio prima della sosta a Milano. Oh Giulia, che tasto dolente tocchi. Ho sempre rifuggito il pensiero che valga la pena usare Facebook per rimanere in contatto solo con chi la pensa come me. Loro purtroppo hanno riempito il social di notizie fake , post e amici tossici che non permettono di guardare le notizie oltre il proprio orticello . 4. C’è solo stato un piccolo compromesso da mantenere. Ex-Michigan State basketball player is now worth billions. Ma immagino che quando anche questo rapporto si sarà diluito nelle pieghe del tempo, allora non avrò più remore a chiudere baracca e burattini! Mi sono disconnessa per un anno circa, e la cosa mi procurò un mare di conversazioni imbarazzate tra quelli dei miei contatti che vedevo tutti i giorni. Ma il punto è che anche la pagina Facebook di Trent’Anni e Qualcosa iniziava a crearmi malessere: assomigliava sempre più a un’alternativa al blog, un sostituto più immediato in cui scrivere. Ciao, condivido pienamente quello che hai scritto. Purtroppo sono ancora molto dipendente da fb, lo trovo una perdita di tempo e potrei utilizzare quel tempo per attività più importanti. Poi ne feci uno nuovo, ma tempo 3 mesi, e di nuovo 450 amici ( sempre meglio di 1450 come prima!) Purtroppo i social network creano dipendenza ed allo stesso tempo ti allontanano sempre di più dal mondo reale, dandoti l’illusione di essere circondata da tanti “amici”. Un doppio dispendio di energie che non mi piaceva più. Magari il 70-80%, se vi va bene? Se si andava in vacanza, subito a postare le foto, se si usciva per un caffè anche solo per sbaglio, subito a postare mille foto. Il motivo per cui, secondo me, dovremmo rifiutare di condividere la nostra vita su Facebook, sapendo oltretutto che non si tratta di sola anagrafica ma anche di dettagli privati, immagini, letture e via dicendo, è che perdiamo il controllo dei nostri dati. In tutto questo sono ad un punto importante della mia vita .Vita amorosa quasi zero , carriera lavorativa da reinventare , dubbi e domande sul futuro . Jim Carrey mocks Melania Trump in new painting. (anche qui i biscottini sono stati già salvati sul mio pc … non so mica esattamente cosa registrano di me, so solo – per via della normativa – che ci sono), Però invece il ridursi a pollici cliccanti mi dispiace molto … Buongiorno a te e ad altri che capiteranno su questo articolo. Semplicemente perché non solo per me, ma per tutti, usare il pollice per mettere un like da smartphone è molto più rapido che entrare in una pagina web, leggere un contenuto lungo e decidere di interagire. Ultimamente la gente ti presta sempre meno attenzione quando parli. Io non ho mai avuto l’app Facebook, ma comunque avevo l’accesso istantaneo da browser. Ho solo qualche dubbio per il discorso lavorativo e per il mio blog: non so se cancellare la pagina sia una buona idea. Ho risolto il problema con i commenti, era colpa di un plugin che creava conflitto! Magari anche realistiche, ma che non colmeranno mai invece le problematiche, le fatiche, le gioie del sudore nel mondo vero. Una cosa su tutte mi ha spaventato. Volevo solo sapere che divani aveva l’Ikea. ... Ma un consiglio: prima elimina tutte le foto e tutto ciò che ti dà particolarmente fastidio, questo perché se no continueranno a circolare nel web; se vuoi che nessuno le veda più devi avere la pazienza di eliminare tutto uno per volta.. Sto divorando il tuo blog, ammetto che era da tanto che non trovavo dei contenuti così interessanti e sto già diventando “addicted” 🙂 Io tanti anni fa chiusi il mio account storico di Facebook, ma poi dopo meno di 1 anno ne riaprii un altro perché non riuscivo a starne lontana. Interagire su un blog che tratta argomenti d’interesse e’ molto differente da un commento o da un “mi piace”, nel mondo blu. Non collego facebook al lavoro, diventa sennò una vera schiavitù. Dopo aver letto il mio articolo su come accedere a Instagram anche tu, al pari di tantissimi altri utenti nel mondo, hai provveduto a creare il tuo account sul famoso social fotografico ed ha iniziato a postare foto, oltre che brevi video, a destra e a manca. So che non è legato solamente al fatto di aver chiuso la pagina Facebook, ma a una concomitanza di fattori. Posted By La Pillola Rossa on 2016-08-19 | 17 comments. E concordo con la sensazione di chiasso o di cose postate “tanto per”. Per quello andrebbe usata con raziocinio e parsimonia, secondo me. Pero’ l’ho disinstallato dal cellulare anche io, perche’ mi rendevo conto della perdita di tempo che rappresentava lo scorrere sulla bacheca senza senso. E ogni volta che ti viene voglia di aprire la bacheca, apri il blog! Parole. Credo che l’utilizzo dei social abbia un’utilità variabile a seconda degli argomenti che si trattano e del tipo di pubblico che ci si è costruiti con il tempo 🙂 Non tratto mai argomenti virali e avere i pulsantini di condivisione per gli argomenti che tratto io è più che sufficiente. Ciao Linda 🙂 Ho perso e continuo a perdere tempo su questa piattaforma, ma ormai da tempo ho iniziato a provvedere, a studiarmi dei libri sul minimalismo digitale, i lati oscuri di questo social network, l’economia dell’attenzione che accomuna tutti i social network. Ho tolto FB dal cellulare per non vedere più una bacheca colma di fiocchi rosa e azzurri, foto di manine e piedini, insulse dediche che “ogni mamma può capire” … Una liberazione! Penso eliminero’anche questo, tornando all’amata slow life, anche se inizialmente il senso di sconnessione e solitudine e’alto per chi come me e’abituato a facilitarsi le ricerche agli eventi tramite questo mezzo. Gli altri due motivi riguardano rispettivamente l’umore e la possibilità di un’alternativa: secondo gli studiosi, gli utenti che si sentono di buonumore o che si definiscono felici o soddisfatti sono meno propensi a infrangere la loro promessa di restare lontani da Facebook, al contrario la tristezza, la noia e l’apatia possono condurre di nuovo verso quell’universo. Gabriel Zuchtriegel: "Basta coi social, c'è troppo odio: mi cancello da Facebook" paolo de luca Il direttore degli scavi di Paestum: “Torniamo a incontrarci e a leggere i giornali. Per quanto riguarda il lavoro online, sei la prova che Facebook non è fondamentale per guadagnare visibilità su quello che si scrive. Sostanza: lo eliminai un mese. Non perdere tempo a cercare di qua e di là tra le impostazioni relative all’account; non è lì che troverai il link con su scritto ‘Elimina account’. questo mi ha fatto molto riflettere sulla pochezza che stiamo costruendo con le nostre stesse mani e me ne sono voluta tagliare fuori .blackmirror docet 🙂. Ultimo ma non meno importante: la privacy e gli stalker. inzio a starci per sola abitudine e questo mi distrae dallo studio e dal mio tempo libero..... è stata una scelta presa poco fa,ma per il mio bene.... che ne pensate,me l'appoggiate? Che fossero la guerra e le vittime in Siria, i gattini che rotolano su un pavimento in parquet, le foto di viaggi, di colazioni, le discussioni politiche, le riflessioni profonde e le frivolezze. Grazie Marco 🙂 Non è proprio uno svantaggio. Perché la scuola c'è, al fianco dei suoi studenti. Insomma tutti bravi a fare qualcosa, tutto e subito senza apparente sacrificio ma una sana “botta di culo” . Mi sono trasferita all’estero da più di un anno e uso le pagine di facebook per sapere novità, informazioni, capire la burocrazia del Paese dove vivo ora. Un nome inventato, una data di nascita falsa, nessuna foto, solo pochi contatti che mi servono per continuare delle collaborazioni che non voglio tagliare. Anche io sono stata spesso tentata di chiudere il mio profilo e credo di non averlo fatto per pigrizia, soprattutto. Quest’ultimo per l’università. Non essere pigra, mi sono detta  – prenditi ‘sti venti minuti di tempo, già che su questo bus non c’è molto altro da fare. non si può eliminare, a meno che non lo facciano i tuoi amici dietro tua richiesta…. Ciao Beatrice, grazie, mi fa veramente piacere il tuo commento! A mia insaputa. Questo sito web utilizza i cookie. Gran bel post, cara la mia Giulia Calli! In realtà sei sola, chinata su un cellulare e, spesso e volentieri, incapace di mantenere una conversazione dal vivo per più di 10 minuti senza riprendere in mano il cellulare. A me invece è successo un po’ il contrario, da quando ho chiuso la pagina Facebook sto avendo molte più visite sul blog. L’ho sostituito con un account fasullo, con nome e cognome inventati e senza amicizie. Con questo vi saluto e invito a chi passa da questo articolo di prendere in considerazione l’idea di chiudere definitivamente con facebook . 😀. Hai fatto bene a renderci noti molti aspetti di Facebook che io personalmente ignoravo. Credo che sia più un discorso di autoconvincimento. Cosa voglio fare con questo disagio? Rumore di fondo. soprattutto se si ha una sensibilita’alta e un’empatia altrettanto. Anche io dopo aver eliminato il mio storico profilo Facebook ho notato la difficoltà di rimanere in contatto con certe persone. Non sapevo come esprimerlo esattamente, ma “malessere” è l’unica parola che mi è sembrata calzante. Ma cosa? Molto più gratificante vedere i like aumentare sotto a un post Facebook, che fioccano più numerosi dei commenti a un post qui sul blog. Io ormai a livello social uso esplicitamente solo Twitter; come ho specificato nel post, Facebook devo usarlo per lavoro, ma lo faccio con account fake e con una rete di contatti che si conta sulle dita di una mano (anche se credo che FB abbia già capito benissimo chi sono, purtroppo). Scopri come i tuoi dati vengono elaborati. Chi arriverà qui e deciderà di fermarsi, lo farà perché veramente interessato a quello che scrivo, e non perché ho scelto un’immagine accattivante per catturare l’attenzione del pollice-automa che scorre una bacheca Facebook. Cioè, nella vita di tutti i giorni, dove le persone si avvicinano, parlano, flirtano: ti irrita anche quello? Intendo dire;io non sono iscritto a FB, però mi iscrivo appositamente e dopo aver inviato un messaggio (privato immagino tasto alto a dx) mi cancello da FB, qui vorrei capire se il destinatario lo legge ugualmente o ha bisogno che io non mi cancelli? Ho eliminato molti contatti da Facebook con cui non avevo più rapporti da tempo, ho eliminato ogni foto privata e attivato il controllo dei contenuti condivisi sul mio profilo. Eppure Facebook non sembrava collaborativo: finivo sempre per vedere le stesse cose, lo stesso tipo di argomenti, ogni volta che aprivo l’applicazione. (e coincidenza hai scelto lo stesso tema che Trent’Anni e Qualcosa ha avuto per il suo primo anno e mezzo di vita 😉 ) Stefano Conca "In realtà non ne ho idea, non me lo sono mai chiesto. Ne ho dovuto aprire un altro, completamente falso e con un’email nuova di zecca (non Gmail). Perché ho scritto ai vigili , al sindaco, alla dottoressa Bottini, al dott. Vorrei dire qualcosa ma non sono capace di farlo perchè sono sgrammaticato. E anche io sentivo quella sensazione di cui parli tu, fare una cosa in maniera meccanica senza un reale motivo. ramsus88. Tutti dovevano dimostrare qualcosa per forza agli altri. Ci sono rimasta di stucco anche io! Anche Google purtroppo sa troppe cose di noi…Sarebbe forse più corretto usare qualche concorrente di whatsapp, tipo Telegram, per chattare. Mi sa qualcuno dire perché l'ingresso al parco della biblioteca da via Marconi nove è da settimane chiuso sottraendo alla cittadinanza di usufruire del verde pubblico. Video su Facebook musica bloccata da diritti d’autore. La mia unica debolezza sono le fotografie, non tanto di persone, ma di luoghi… mi piace fotografare e ne carico spesso su Facebook. Era tutto lì, a portata di pollice e di curiosità morbosa. Ele, Ele, grazie per il tuo messaggio (era finito in spam per qualche strano motivo, l’ho appena ripescato) <3 Ok, ora pensate a quante di queste cose condividereste tranquillamente con il vostro compagno o con i vostri migliori amici o con la vostra famiglia. Poi sono tornato in quanto essendo un musicista mi pareva di perdere informazioni su concerti, jam session, di perdere visibilità, ma anche questo era fittizio. Ma ho potuto mettere insieme diversi pezzi della storia di cui ero all’oscuro. E non mi piaceva. pero’ e’una macchina che si puobenelizzare anche bene, ma fa leva su troppe debolezze umane che dal vivo non vengono stimolate cosi tanto e si possono gestire a situazione e non a tampinamento di input. Ho iniziato a smettere di postare a gennaio, poi ho cambiato il nome, poi ho cancellato tutte le foto e i tag, seguito dai check in, i video, i like alle pagine e qualsiasi altra interazione avessi avuto.