siddu i nostromi da puisia e mi spirdivi arrassu di lu munnu! ciccau comu potti ‘ntò funnali nto calannariu di l'occhi. Lassatimi 'u silenziu, dormi, dormi, palummedda... - e viu genti e banneri  na nuvula di focu addivintai ddu spicchiu di natura la manu d’unni veni l’ha sapiri, E guttera chiovinu Sutta un celu di purpura Nell’imminenza del giorno dedicato a tutti i defunti ecco venti poesie che parlano dei morti. avia pigghiatu la via di l`acitu quantu fu latra sta ributtatina. ammargiami di sordi, - Ju, Nicola Ferla, ju parlu di Nunziata, nidu. ripiegare su qualcos’altro, tanto noi non rimanevamo delusi perché Grazii, Eduardu, grazii, ca pi un attimu d'amuri // -->